Come trovare SEMPRE biglietti per partite di Serie A e Champions?

La SerieA rappresentail livello più alto del calcio italiano ed è considerata uno deimigliori campionati in tutta Europa. Gli incontri delle squadredi Serie A italiana riescono sempre a creare una magicaatmosfera negli stadie tifosi, locali e non, si incontrano nello stesso luogo perassistere ad un match dal vivo dei propri beniamini.

Come procurarsi i biglietti per un incontro di SerieA.
Riuscire a procurarsi un biglietto per accedere ad un incontro di Serie A (o di Champions League) è estremamente semplice. Su internet sono disponibili,infatti, diversi siti che permettono di acquistarli indicando con chiarezza i relativi prezzi.

Sarà,ovviamente, consentito ottenerli anche recandosi presso i punti vendita della propria città cherisultano essere adibiti a tale tipo di servizio. Tutto quello di cuisi ha bisogno è un documento di riconoscimento nonché disporre ovviamente della somma necessaria.


Trai siti più importanti operanti nella vendita di ticket troviamo, adesempio: viagogo.it,il famoso ticketone.it,oltreche footballticketnet.itsportsevents365.it e ticketpremiere.com.
Tuttavia, è chiaro che tale opportunità si avrà anche recandosi sul portale ufficiale della propria squadra del cuore.


Infine,è sempre consigliabile acquistarli in un momento non immediatamente antecedente all’incontro stesso,dal momento che si rischia di non trovarne disponibili.

I costi del calcio sostenuti dai tifosi italiani.

Per quanto concerne i prezzi sostenuti dai tifosi italiani per accedere agli incontri disputati dalla propria squadra del cuore, non sono propriamente irrisori.

I cosiddetti costi del calcio spaziano da poco più di 10, fino a 500 euro.Questi, ovviamente, variano in base al settore dal quale si vuole seguire la partita. Migliore sarà la visuale, maggiore sarà il prezzo.

In alternativa, si potrebbe pensare di pagare un abbonamento,che risulta essere la situazione più pratica oltre che conveniente.


Secondo gli ultimi dati statistici, la squadra più costosa è la Juventus. Ammonta, infatti, a circa 600 euro la spesa per un abbonamento incurva (primo o secondo anello, Nord o Sud), cioè il settore più popolare in uno stadio di calcio.

La seconda squadra più costosa è il Napoli,per la quale si può parlare di pochi euro in meno rispetto a quella di Ronaldo.


Tra le più economiche, invece, citiamo Frosinone e Sassuolo. In particolare, un tifoso gialloblu si troverà a pagare circa 300 euro per un abbonamento in curva. Se ne deduce che per ogni partita sarà necessario sborsare solamente 17 euro.


Ogni anno questi costi restano piuttosto stabili, con pochi aumenti e ribassi. In conclusione, si deve considerare anche l’altra modalità con cui è possibile guardare una partita, cioè le varie pay tv, le quali rendono disponibili continuamente varie offerte per non perdersi nemmeno un minuto delle partite del campionato italiano.

La tessera del tifoso.

Latessera del tifoso è un mezzo introdotto a partire dalla stagione2010 – 2011 alfine di combattere la violenza negli stadi.Con essa, le società sportive hanno l’intenzione di rendere più chiaro e sicuro il rapporto con e tra i tifosi.


Non è obbligatorio farla, anche se risulta essere consigliata. Ai fini della possibilità di assistere ad un incontro di SerieA, essa costituisce l’unico strumento che consente di accedere allo stadio nelle competizioni assoggettate a restrizione sempre per motivi di ordine e  sicurezza.


Di conseguenza, se non si vuole correre il rischio di perdere una partita della propria squadra del cuore, è consigliato richiederla. Il costo, non troppo alto, è sostenibile da tutti i tipi di tasche.


Trai vantaggi, si segnala il salto della fila,potendo accedere allo stadio mediante dei varchi preferenziali. Anche l’acquisto dei biglietti, inoltre, risulta essere più veloce.


Occorre sottolineare che la tessera del tifoso è obbligatoria non solo quando lo stabilisce l’Osservatorio Nazionale per le Manifestazioni sportive, ma anche nel caso in cui si decida di seguire una partita in trasferta. Le società sportive, quindi, in questo caso dovranno vendere i biglietti del settore ospiti esclusivamentea coloro che saranno in possesso della stessa.


Questi elencati sono i motivi per cui è consigliabile farla considerando anche il costo minimo.
Tuttavia, non viene rilasciata a chiunque la richieda. Ciò accade quando il tifoso ha ricevuto una condanna per i cosiddetti reati da stadio o è sottoposto al DASPO.


Quest’ultimo consiste nel divieto di accesso alle manifestazioni sportive o ai palazzetti dello sport. Relativamente al primo caso, la condanna deve essere stata pronunciata in primo grado.Se, invece, il soggetto viene assolto neigradi di giudizio successivi, avrà l’opportunità di richiederla, così come accade nei casi di revisione dei provvedimenti del DASPO.


La tessera del tifoso, infine, può essere fatta in modo facile e celere. Basta, infatti, completare i moduli necessari con i propri dati personali allegando, in più, una fototessera. Poi, occorre sottoscrivere il documento stesso impegnandosi a rispettare quelle che sono le regole del codice etico. In seguito, si riconoscerà, inoltre, il diritto delle rispettive società sportive di rendere invalido il documento se dovessero essere infrante le suddette norme nonché quelle concernenti l’utilizzo degli impianti sportivi.